Pallanuoto. Due vittorie non bastano per il passaggio del turno in Coppa Italia

IMG_5958

di Stefano Boccia

CATANIA- Un piccolo miracolo per la Lazio Nuoto che sfiora la qualificazione, sfumata per la differenza reti nel primo turno di Coppa Italia, due vittorie e due sconfitte in un girone equilibrato. Solo 12 elementi a disposizione di mister Sebastianutti nel gruppo B di Catania, con capitan Colosimo out, Di Rocco e Tulli ancora non disponibili e Leporale non al meglio ma con 4 gare da affrontare in 3 giorni. Ciononostante ottimo l’esordio con vittoria contro i padroni di casa venerdì (11-10), poi la sconfitta di sabato con Ortigia (12-9). Domenica le sfide decisive giocate con meno di tre ore di riposo una dall’altra, il successo con l’Acquachiara (17-7) e infine la stop spezza sogni con il Posillipo (13-7), nella gara forse più brutta giocata dai capitolini. Ad accedere alla seconda fase sono così l’Ortigia a punteggio pieno e proprio i partenopei che nella classifica avulsa vantano una miglior differenza reti di Lazio e Catania.

Un’eliminazione che viste le premesse non leva il sorriso al mister Claudio Sebastianutti:
“C’è rammarico perché abbiamo avuto la possibilità di giocarci la qualificazione fino all’ultima partita e nonostante le assenze, i problemi fisici e il poco tempo per rifiatare tra una partita e l’altra eravamo vicino al passaggio del turno. I ragazzi hanno espresso una buona pallanuoto, abbiamo capito alcuni nostri difetti su cui dobbiamo lavorare con l’aiuto di tutto lo staff tecnico, Ramon Garcia, Daniele Cianfriglia che risultano quanto mai fondamentali. Spero di avere prima possibile la squadra al completo per prepararci al meglio in vista del campionato. Credo che questa prima fase di coppa Italia ci abbia mostrato che quest’anno ci sarà molto equilibrio, ma sono fiducioso perché abbiamo grandi margini di crescita”.

Prima giornata – Venerdì 29 settembre

LAZIO-CATANIA 11-10 (2-4, 3-2, 2-3, 4-1)
Lazio: Correggia, Tulli, Vitale 1, Spione, Gianni 1, Di Rocco, Giorgi 1, Cannella 3, Leporale 4, Ferrante, Maddaluno 1, Mariani. All. Garcia.
Seleco Catania: Jurisic, Lucas, Torrisi, La Rosa 2, Sparacino, Russo 1, Torrisi, Danilovic 2, Kacar 2, Privitera 1, Divkovic, Kovacic 2, Graziano. All. Dato.
Arbitri: Brasiliano e Pinato.
Superiorità numeriche: Lazio 5/8 e Catania 4/10 + 1 rig.
Note: nessuno uscito per limite di falli.

Seconda giornata – Sabato 30 settembre

ORTIGIA-LAZIO 12-9 (4-2, 2-2, 3-2, 3-3)
Ortigia: Patricelli, Siani 1, Abela, Jelaca 2, Di Luciano 2, Lindhout 1, Tringali 1, Giacoppo, Cassia, Vapenski 2, Casasola 2, Napolitano 1, Caruso. All. Piccardo.
Lazio: Correggia, Tulli, Vitale, Spione, Gianni, Di Rocco, Giorgi 3, Cannella, Leporale 3, Ferrante, Maddaluno 3, Martani. All. Sebastianutti.
Arbitri: L. Bianco e Piano.
Superiorità numeriche: Ortigia 3/7, Lazio 3/8.
Note: uscito per limite di falli Vitale (L) nel terzo tempo.

Quarta giornata – Domenica 1 ottobre

LAZIO-ACQUACHIARA 17-7 (4-1, 5-1, 4-2, 4-3)
Lazio: Correggia, Tulli, Vitale 5, Spione 3, Gianni 1, Di Rocco, Giorgi 3, Cannella 1, Leporale, Ferrante 2 (1 rig.), Maddaluno 2, Martani. All. Sebastianutti
Carpisa Yamamay Acquachiara: Cicatiello, Ciardi 1, Di Maro 1, Ronga, M. Lanfranco, Santamaria, Stellet, Barberisi 2, De Gregorio, Tozzi, Centanni 1, J. Lanfranco 2. All. Iacovelli.
Arbitri: L. Bianco e Castagnola.
Superiorità numeriche: Lazio 4/8 + 1 rigore, Acquachiara 4/7.
Note: uscito per limite di falli Tozzi (A) nel quarto tempo.

Quinta giornata – Domenica 1 ottobre

POSILLIPO-LAZIO 13-7 (3-2, 4-1, 3-1, 3-3)
Posillipo: Sudomlyak, Cuccovillo, Cali, Foglio, Mattiello 2, Gregorio 1, Iodice, Rossi 2, Briganti 4, Silvestri, Ricci 1, Saccoia 3, Negri. All. Brancaccio
Lazio: Correggia, Tulli, Vitale 1, Spione, Gianni, Di Rocco, Giorgi, Cannella 2, Leporale 1, Ferrante 1, Maddaluno 2, Mariani. All. Sebastianutti.
Arbitri: Brasiliano e Piano.
Superiorità numeriche: Posillipo 4/7 + un rigore, Lazio 4/12.
Note: espulso per proteste Mattiello (P) e Saccoia (P). Uscito per limite di falli Foglio (P) nel quarto tempo.

CLASSIFICA:
Ortigia 12; Posillipo, Catania, Lazio e 6; Acquachiara 0

fonte: SS Lazio Nuoto

*

*

Top