Inzaghi: “Il primo colpevole della sconfitta sono io: ora testa alta, reagiamo!”

Inzaghi Lazio Torino

Brutta battuta d’arresto per la Lazio, all’Olimpico, per mano del Genoa. Un sconfitta figlia di errori di distrazione che, nei prossimi giorni, dovranno essere posti al vaglio del mister. Inzaghi, nel post partita, analizza la gara durante la conferenza stampa: “Sapevamo la partita che andavano affrontare, sapevamo che non sarebbe stato facile. Il Genoa si è difeso in 10, dovevamo avere più pazienza, sfruttare meglio le occasioni, sapevamo avremmo avuto poco spazio. Una squadra come la nostra non deve concedersi di prendere gol. Quando si perde è normale farsi domande, Felipe Anderson, Nani e Patric hanno cercato di aiutarci: abbiamo determinato equilibri, cambiare modulo sarebbe stato un delitto. Murgia si è proposto, ha fatto quel che doveva. Ora dobbiamo trovare le soluzioni, non il colpevole. Sarebbe facile trovare un caprio espiatorio, si perde tutti insieme. Perchè il primo colpevole sono io”.

//

“C’è rammarico, ma parlare dopo è sempre facile. Rifarei tutte le scelte iniziali. Sui cambi è normale farsi domande se il risultato è negativo. Match scadente? A livello fisico credevo stessimo discretamente, avremmo potuto chiudere 1-1 con la stessa delusione. Non ci è mai capitato di perdere due volte consecutive, ma testa alta: non deve capitare, ma può succedere. Ora dovremo essere bravi a reagire”.

*

*

Top