Inzaghi: “Il Cagliari in campo ha dato tutto. Peccato per la sosta. Contento di allenare Keita”

FOTO TEDESCHI
FOTO TEDESCHI

di Stefano Blando

Un pareggio che vale come una mezza sconfitta, che rallenta la marcia della Lazio verso la zona Europa. Al termine della partita nella pancia del Sant’Elia è intervenuto il mister dei biancocelesti Simone Inzaghi ai microfoni di Premium Sport: “Oggi siamo stati meno brillanti che in altre occasioni, sbagliando spesso l’ultima scelta. Il Cagliari ha messo in campo tutto quello che aveva. Si poteva far meglio sicuramente ma avvolte bisogna anche rispettare l’avversario”.
L’Atalanta ha vinto e rosicchiato due punti, l’Inter ha pareggiato ma si poteva allungare ancora di più, la situazione per quanto riguarda l’Europa League rimane tutto sommato invariata: “Avevamo accumulato un po’ di vantaggio in ottica Europa League che oggi abbiamo un po’ perso. Abbiamo davanti a noi un finale intenso, ora abbiamo tanti giocatori che andranno in Nazionale, speriamo che quando torneranno saranno fisicamente bene” .
Oggi Milinkovic non ha giocato perché squalificato, la sua assenza in mezzo al campo si è fatta sentire: “Al di la di chi gioca o chi non gioca è normale che Milinkovic sia un uomo importante per noi. Ma a prescindere da questo il Cagliari ha fatto una buona partita e ha meritato il pareggio”.
Keita sempre croce e delizia di questa Lazio. Oggi non è riuscito ad incidere come ha fatto contro il Torino lunedì scorso. Inzaghi però non perde mai occasione per spronarlo a fare ogni domenica meglio: “Keita a mio parere doveva migliorarsi in zona gol perché uno come lui dovrebbe segnare molto di più. Già quest’anno infatti ne ha fatti 8, è un classe ’95 e può fare ancora tanto bene. Sono molto contento di allenarlo”
Ora ci sarà la sosta per le Nazionali ma il cammino della Lazio era favorevole: “Ora non mi sarei proprio voluto fermare infatti perché stavamo andando proprio bene. Prima del derby però c’è il Sassuolo da affrontare che non sarò affatto una passeggiata, poi penseremo al derby”.

Simone Inzaghi è intervenuto anche ai microfoni della TV ufficiale biancoceleste: “C’è da fare comunque da dire bravi alla squadra perché abbiamo fatto fino a qui un grande cammino. Ma è proprio questo il momento in cui non si deve mollare di un centimetro”.

Infine il mister si è presentato davanti ai microfoni dei giornalisti in conferenza stampa. Alla Lazio è sembrato mancare un po’ di carattere: “Siamo la squadra che ha vinto più contrasti in Serie A. Il Cagliari oggi ha fatto una partita tosta, ci ha lasciato il pallino e si è difesa. Dovevamo essere attenti nelle riprese. Il rimpianto è non aver fatto le scelte giuste nel momento decisivo. Adesso c’è la sosta e spero che i giocatori possano recuperare le energie”.
La scelta di Luis Alberto: “Volevo due giocatori larghi. Sono passato al 4-2-4, con Felipe Anderson da una parte e Luis Alberto dall’altra”.

*

*

Top