Il precedente / La banda Pioli espugna il Sant’Elia: la Roma dista un punto…

Cagliari-Lazio

di Valentina Pochesci

4 aprile 2015. Meno brillantezza rispetto alle ultime uscite, ma poco male: la banda Pioli al Sant’Elia porta a casa la settima vittoria consecutiva, che le permette di mantenere il terzo posto a un solo punto dalla Roma. Il 3-1 è un risultato giusto, sebbene la rete della tranquillità arrivi soltanto allo scadere. Evidente e troppo largo il divario tecnico tra le due squadre, con il Cagliari che tenta di puntare tutto sulla velocità dei suoi uomini migliori, andandosi però a scontrare con il solito funambolico Felipe Anderson, vero asso nella manica di questa Lazio.

La manovra biancoceleste risente per una buona mezz’ora del pressing della squadra di Zeman, poi eccolo, Felipetto, a suonare il la per il vantaggio laziale: la sua splendida accelerazione sulla fascia trova il suo sbocco ai piedi di Mauri, che controlla e serve per il gol di Miro Klose. La Lazio crea ma non trova il raddoppio, e non c’è da stare tranquilli perché il Cagliari spinge, vuole pareggiare i conti. Ci riesce a cinque minuti dalla ripresa: azione in profondità, Sau trova la porta grazie alla deviazione decisiva di Mauricio che trasforma il suo tiro in un imprendibile pallonetto. A questo punto è il turno di Keita. Lo spagnolo si rivela decisivo indirizzando, di fatto, la partita verso la vittoria: si procura difatti ben due rigori in pochi minuti. Il primo Biglia lo realizza con freddezza, il secondo (che costa l’espulsione di Diakitè) lo spara alto. C’è ancora da soffrire. Il momento psicologico è buono ma il Cagliari non riesce più ad essere pericoloso, ed è infine Parolo su punizione a siglare il definitivo, prezioso 3-1. Questa Lazio proprio non vuole fermarsi più…

Il tabellino

Cagliari-Lazio 1-3

Cagliari (4-3-3): Brkic; Balzano, Diakitè, Rossettini, Avelar; Dossena (13’ st Ekdal), Crisetig, J.Pedro; Farias, Sau (33′ st Cop), M’Poku. A disp. Colombi, Cragno, Murru, Pisano, Gonzalez, Capuano, Conti, Husbauer, Cossu, Longo. All. Zeman.

Lazio (4-2-3-1): Marchetti; Basta, de Vrij, Mauricio, Braafheid; Biglia, Parolo; Candreva (13’ st Keita), Mauri (13’ st Cataldi), Felipe Anderson; Klose (36’ st Lulic). A disp. Berisha, Strakosha, Novaretti, Cana, Cavanda, Pereirinha, Ledesma, Onazi, Perea. All. Pioli.

Arbitro: Rocchi (sez. Firenze)

Reti: 31’ pt Klose, 5’ st Sau, 16′ st Biglia (rig.), 48’ st Parolo.

Note: ammoniti Parolo, Mauricio, Basta, Crisetig, Rossettini, M’Poku, Keita, Balzano; espulso Diakitè per fallo su chiara occasione da gol.

*

*

Top