Calcio a 5 femminile. Non basta una grande Lazio, l’Olimpus vince in rimonta 6-4

IMG_6220

di Stefano Boccia 

Dopo la prima frazione chiusa avanti 3-0, le biancocelesti subiscono il ritorno delle campionesse d’Italia. Su due gol delle padrone di casa, però, pesano due non fischi arbitrali abbastanza netti. Per la squadra di Chilelli la magra consolazione di un’ottima prestazione, che però non porta punti.

Primo tempo. La Lazio gioca 20′ iniziali da sogno in casa delle campionesse d’Italia in carica. Le biancocelesti approcciano alla perfezione l’incontro, sbloccando la sfida su schema grazie alla solita Sara Agnello, arrivata alla decima marcatura stagionale. La partita è divertente, emozionante, piena di occasioni e vive di folate, di inerzia che cambia padrone in continuazione. A concretizzare, però, sono solo le ospiti: all’ottavo raddoppia Luisa e quando negli ultimi minuti D’Orto mette il portiere, la Lazio sfiora tre volte il tris, prima che Lucileia metta a sedere Salinetti – subentrata a Giustiniani – per il gol che vale il 3-0 con il quale si va al riposo.

Secondo tempo. Punto nell’orgoglio, l’Olimpus reagisce da campione: dopo 15” Taina accorcia subito le distanze ed al quarto ancora l’ex Ternana sigla il 2-3 che riapre subito l’incontro. È una partita intensa, divertente, che resta appassionante. Per la Lazio tegola Lucileia, che crolla a terra dolorante al ginocchio e non rientra più (in precedenza clamorosa traversa colpita sull’1-3 dalla brasiliana). Al decimo Pomposelli, servita da Cely (secondo tempo strepitoso il suo) rimette tutto in parità, ma Rebe riporta ancora avanti la Lazio col destro che vale il 4-3. Nella ripresa, però, l’Olimpus non sbaglia più e Salinetti sale in cattedra, sia con due parate super, sia col gol che vale il 4-4: sul suo rilancio si allacciano Da Rocha e Nagy, l’arbitro non fischia e nuovo pareggio. A 5′ dalla fine, dopo una delle sopracitate parate di Salinetti, Lisi in ripartenza segna il primo vantaggio dell’incontro delle tricolori. È un colpo da ko, la Lazio prova a gettare il cuore oltre l’ostacolo, ma le energie sono davvero contate: all’ultimo minuto volata in fascia di Beita, altro non fischio su un chiaro contatto, contropiede e gol di Da Rocha che manda i titoli di coda.

OLIMPUS-LAZIO: 6-4 (0-3 pt)

OLIMPUS: Giustiniani, Pomposelli, Lisi, Gayardo, Maite, Schirò, Taina, Salinetti, De Angelis, Esposito, Giuliano, Da Rocha. All. D’Orto

LAZIO: Nagy, Soldevilla, Alvino, Barca, Beita, Sabatino, Agnello, Lucileia, Luzi, Xhaxho, Luisa, Rebe. All. Chilelli

RETI: 3’40” pt Agnello (L), 7’50” Luisa (L), 18’02” Lucileia (L), 015” st e 3’18” Taina (O), 9’17” Pomposelli (O), 9’48” Rebe (L), 12’04” Salinetti (O), 15′ Lisi (O), 19′ Da Rocha (O)
AMMONITI: Nagy (L), Cely (O), Taina (O)
ARBITRI: Tariciotti (Ciampino), Pubblico (Roma 1)
CRONO: Pompeo Ghiretti (Ciampino)

Fonte: SS Lazio Calcio a 5

*

*

Top