19 marzo 1961. La Roma spocchiosetta beffata da una doppietta di Rozzoni

Gol di Rozzoni nel derby 61

Lo avevano definito il “derby dei crisantemi”. Con la Lazio ultima in classifica, avviata verso la sua prima serie B (la Roma ci era già stata) e i giallorossi di Foni ben 18 punti più sopra. Si facevano scommesse sull’entità della goleada, ma la Lazietta di Carver ebbe il suo momento di gloria, il suo palpito ideale in un Olimpico tutto romanista salvo un piccolo spicchio biancoceleste. Già, perché la spocchia nel calcio raramente paga. Eppure la Roma, che schierava l’ex Selmosson, era passata in vantaggio con Giuliano e sembrava poter amministrare il match a suo piacimento. Ma non aveva fatto i conti con un certo Orlando Rozzoni, paladino di quella Lazio subissata di debiti. Il bomber di Treviglio ribaltò il risultato esattamente in dieci minuti, prima con una terrificante saetta sotto la traversa e poi con un prodigioso colpo di testa di rimbalzo (nella foto) su angolo calciato da Morrone. Eravamo al 26′ del primo tempo, con oltre un’ora di gara da giocare, ma la Roma non riuscì a pareggiare per le belle parate di Pezzullo e la stoica barriera difensiva. La Lazio non rinunciò mai ad agire di rimessa, segnando ancora con Rozzoni: gol annullato come il seguente di Orlando per evidente carica al portiere. Olimpico ammutolito per il 2-1 biancoceleste, la grande impresa di un campionato disgraziato.

*

*

Top